TURISMO: IL MINISTRO RIVELI LE SUE FONTI SUI DATI DELLE PARTENZE IN VACANZA, COSI' SAPREMO CHI DENUNCIARE PER PUBBLICITA' INGANNEVOLE.

21/07/2010


Il Ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla deve, a questo punto, rivelare esattamente chi le ha fornito i dati sul turismo che ha esposto nella recente conferenza stampa, parlando di un aumento da 25 a 30 milioni di italiani che andranno in vacanza.
“Così finalmente sapremo chi denunciare per pubblicità ingannevole!” – dichiara Rosario Trefiletti, Presidente Federconsumatori.
Vorremmo perciò che, d’ora in avanti, vi sia una maggiore verifica e maggiore responsabilità, poiché un Ministro non si può permettere di fornire dei dati, anche se previsionali, così lontani dalla realtà.
Infatti, come già l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori aveva previsto, la contrazione dei flussi turistici per questa stagione estiva sarà preoccupante, con una caduta sotto la soglia del 40% dei cittadini che potranno usufruire di una vacanza, a causa del prolungarsi, nel 2010, dell’onda lunga della cassa integrazione e della disoccupazione, e con il blocco dei contratti per milioni di lavoratori. A confermare tali prospettive, oltre a molti importanti operatori del settore, giungono oggi anche i dati della Fiavet, che coincidono perfettamente con quelli del nostro Osservatorio.
Rinnoviamo pertanto al Ministro l’invito a confrontarsi e rapportarsi di più con gli addetti del settore, per poter così diffondere dati reali e non mendaci, dai quali partire per agire concretamente in direzione di un vero rilancio del settore turistico, inestimabile risorsa del nostro Paese.  


FEDERCONSUMATORI

Federconsumatori