CARO BIMBO: MANTENERE UN BAMBINO NEL SUO PRIMO ANNO DI VITA NEL 2012 COSTERA' DA 6.349,90 A 13.844,00 EURO, IL 4-3% IN PIU' RISPETTO AL 2011.

25/02/2012


L’Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha analizzato, anche quest’anno, i costi relativi al mantenimento di un bambino nel primo anno di vita, confrontandoli con quelli registrati nel 2011.

Le cifre emerse variano da un minimo di 6.349,90 € ad un massimo si 13.844,00 €, con un aumento, rispettivamente, del 4% e del 3% rispetto allo scorso anno.

Come recentemente denunciato anche dal Ministro Riccardi, che ha avanzato un esposto all’Antitrust, si tratta di costi insostenibili, in particolare per quanto riguarda il latte in polvere ed i pannolini, notevolmente più cari rispetto al resto dei paesi europei. Tanto che, molti genitori, organizzano addirittura dei viaggi all’estero per fare “scorta” di questi prodotti.

 

2011 valori in Euro/annui

2012 valori in Euro/annui

Variazione in %

€ 6.119,90

€ 6.349,90

4%

€ 13.486,90

€ 13.844,00

3%

 

ECCO I COSTI DI UN BIMBO NEL PRIMO ANNO DI VITA:

 

 

2011

2012

Var. %

 

min

max

min

max

min

max

passeggino

     159,00

          425,00

     159,00

       462,00

0%

9%

lettino

     255,00

          729,00

     259,00

       735,00

2%

1%

fasciatoio

       75,00

          349,00

       76,90

       355,00

3%

2%

biberon (x4)

       28,00

            44,00

       29,00

         48,00

4%

9%

vestiti e calzature

     948,00

       2.450,00

     969,00

    2.528,00

2%

3%

seggiolino auto

     146,00

          213,00

     158,00

       225,00

8%

6%

seggiolone pappa

     132,00

          250,00

     135,00

       250,00

2%

0%

culla

     182,00

          419,00

     189,00

       429,00

4%

2%

sterilizzatore

       49,00

            86,00

       52,00

         79,00

6%

-8%

scaldabiberon

       40,00

            65,90

       40,00

         67,00

0%

2%

ciuccio(x4)

       30,00

            45,00

       32,00

         47,00

7%

4%

marsupio

       42,00

            78,00

       44,00

         79,00

5%

1%

sdraietta

       79,90

          108,00

       85,00

       114,00

6%

6%

girello

       72,00

            95,00

       72,00

         95,00

0%

0%

pannolini (a)

     600,00

          990,00

     635,00

    1.015,00

6%

3%

farmaci

     389,00

          755,00

     405,00

       776,00

4%

3%

visite mediche (c)

     740,00

       1.750,00

     755,00

    1.770,00

2%

1%

bagnetto

       29,00

            89,00

       31,00

         89,00

7%

0%

salviette

       72,00

          147,00

       76,00

       155,00

6%

5%

box

       65,00

          139,00

       69,00

       142,00

6%

2%

crema

       39,00

          110,00

       43,00

       114,00

10%

4%

latte e pappe (b)

 € 1.458,00

       3.250,00

 € 1.530,00

    3.340,00

5%

3%

biscotti

     172,00

          210,00

     177,00

       215,00

3%

2%

giocattoli

     318,00

          690,00

     329,00

       715,00

3%

4%

TOTALE

 € 6.119,90

     13.486,90

 € 6.349,90

 € 13.844,00

4%

3%

 

 

 

 

 

 

 

tris (passeggino+ carrozzina+ovetto)

     329,00

          650,00

     359,00

       719,00

9%

11%

 

(a) differenze dipendono da marca pannolino e numero di cambi
(b) costo varia a seconda numero mesi di allattamento materno, il numero di mesi in cui si utilizza il latte in polvere o il latte fresco. Inoltre nelle pappe si considerano anche omogeneizzati e condimenti;

(c) Il costo delle visite mediche dipende dalla possibilità di avere un buon pediatra pubblico (anche se il fatto che non facciano visite a domicilio costringe i genitori ad averne sempre uno privato a disposizione,con ricevuta per la costosissima visita pediatrica, mai inferiore a 125 euro).

 

Risparmiare è possibile

Le cifre emerse dallo studio sono a dir poco impressionanti, ma è anche vero che, relativamente ad alcuni costi è possibile risparmiare in maniera notevole.

Familiari ed amici, infatti, vengono spesso in aiuto, sia attraverso passaggi e prestiti degli accessori del corredo, sia facendo regali utili per festeggiare la nascita.

Da non sottovalutare, inoltre, è il mercato dell’usato.

Molte coppie per risparmiare dal punto di vista dello spazio, oltre che da quello della spesa, decidono di sostituire il passeggino, la carrozzina e l’ovetto per l’auto, con i cosiddetti “tris”, cioè carrozzine che, a seconda di come vengono regolate, si trasformano in passeggino e in ovetto. Questa tipologia di accessori possono costare tra 359 e 719 Euro, ben il 9 - 11% in più rispetto al 2011.

 Dopo la maternità, inoltre, più di tre famiglie su dieci sono costrette a chiedere aiuto a nonni e parenti, o a pagare salatamente per un asilo nido privato o per una babysitter a tempo pieno. Ecco di seguito un esempio dei costi per tali voci.

 

ASILO NIDO PRIVATO (costo al mese tempo pieno):

 

Asilo (costo mensile)

 

 

 

 

 

2011

2012

Var. %

min

max

min

max

min

max

                             480,00

       700,00

              500,00

       715,00

4%

2%

 

 

BABY SITTER (costo all’ora):

Baby sitter (costo orario)

 

 

 

 

2011

2011

Var. %

min

max

min

max

min

max

                                  8,00

            9,00

                  8,50

            9,00

6%

0%

 

 

Per aiutare le famiglie a sostenere tali costi esiste una misura di sostegno alle famiglie che hanno avuto un figlio o che lo hanno adottato nel 2011.

 

-       Il Bonus Bebè è un contributo che le Istituzioni locali concedono ai nuclei familiari che hanno avuto o adottato un figli dal 1 gennaio al 31 dicembre 2011. Un contributo, in ogni caso, quasi del tutto irrilevante, che si aggira intorno ai 500 Euro una tantum. Una cifra davvero irrisoria rispetto ai costi appena illustrati. Sarebbe necessario, soprattutto in questo periodo di crisi che sta mettendo a dura prova i bilanci familiari disporre,riconfermando quello strumento di sostegno, un Bonus bebè di almeno 1000 Euro, realmente efficace ed utile a sostenere gli ingenti costi.

 

-       Inoltre esiste il Fondo di credito per i nuovi nati, un vero e proprio prestito fino a 5.000 Euro da rimborsare in cinque anni.

 

 

-       Ma la vera misura da realizzare è quella di utilizzare parte dei proventi del recupero dell’evasione fiscale a strumenti di sostegno della famiglia quali gli assegni familiari soprattutto per i bassi redditi.   

 

 



Federconsumatori

Federconsumatori