CASA: I COSTI PER MANTENERE UN’ABITAZIONE AUMENTANO DEL +4% NEL 2013.

30/01/2013


 

La casa rappresenta il problema principale degli italiani.

Non a caso, proprio in questi giorni, il tema centrale degli interventi dei vari schieramenti politici è proprio l’IMU.

Ma i costi relativi all’abitazione non si limitano alla tassazione. Secondo il consueto monitoraggio dell’O.N.F. - Osservatorio Nazionale della Federconsumatori, nel 2013, i costi relativi al mantenimento di una casa (un appartamento-tipo, di 90 mq in una zona semicentrale di una grande area metropolitana) sono aumentati mediamente del 4%.

Tali costi ammontano rispettivamente, nel 2013 a:

-       1694,70 Euro al mese per un appartamento in affitto (+61,50 Euro al mese rispetto al 2011)

-       1164,45 Euro al mese per un appartamento di proprietà (+49,80 Euro al mese rispetto al 2011)

A far lievitare tali spese sono, anche quest’anno, i continui aumenti delle spese per la luce, il riscaldamento, il gas e l’acqua, nonché l’incredibile aumento (+25%) previsto per la nettezza urbana con l’introduzione della nuova TARES.

Si prospettano aumenti anche relativamente ai costi connessi alle spese di manutenzione, la cui crescita potrebbe essere spinta dall’aumento dell’IVA da luglio, che vorremmo fosse scongiurato.

Non potevano mancare, infine, per le case di proprietà, i “tradizionali” rincari delle rate dei mutui, determinati dagli ingiustificati ed ingiustificabili aumenti degli spread (vale a dire i margini di guadagno) applicati dalle banche, tra l’altro sempre molto restie nel concedere i mutui.

È in crescita anche il numero degli anni di stipendio necessari per l’acquisto dell’appartamento-tipo preso in considerazione. Si è tornati, infatti, al livello del 2006: sono necessarie 19,7 annualità di stipendio per acquistare una casa (nel 2011 si era scesi a 18 anni).

Un andamento determinato, da un lato, dalla caduta verticale del potere di acquisto delle famiglie e, dall’altro, dalla flessione ancora del tutto insufficiente dei prezzi delle case. 

“E’ fondamentale, in un momento delicato come questo, fornire un sostegno concreto alle famiglie.” – dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef – “Per questo ribadiamo la necessità che chiunque sia chiamato a governare il Paese nella prossima legislatura si impegni con serietà per rilancio della domanda di mercato e dell’occupazione, specialmente quella giovanile.”

Solo così le famiglie saranno di nuovo in grado di sostenere i costi necessari per il mantenimento delle proprie abitazioni, senza essere costretti a dolorose rinunce.

In tal senso, inoltre, è indispensabile dotare il Paese di un serio piano per l’edilizia residenziale.

 

QUI DI SEGUITO TUTTI I COSTI MENSILI IN DETTAGLIO (4 tabelle)

La serie storica a partire dal 2001 e’ disponibile nella sezione indagini > casa del sito www.federconsumatori.it 

 

 

Spese per il mantenimento per un appartamento in affitto e di proprietà

Appartamento di 90 mq zona intermedia in città metropolitane

 

Affitto (costo mensile)

 

2012

2013

var. %                   2013/2012

Affitto

 €              1.171,70

 €              1.212,00

3%

Condominio

 €                  85,20

 €                  86,90

2%

Riscaldamento

 €                168,50

 €                173,00

3%

Luce

 €                  52,00

 €                  54,20

4%

Gas (per cucina)

 €                  42,60

 €                  43,80

3%

Telefono

 €                  24,90

 €                  24,90

0%

TARES

 €                  39,90

 €                  49,70

25%

Acqua

 €                  31,00

 €                  32,20

4%

Manutenzione ordinaria

 €                  17,40

 €                  18,00

3%

TOTALE COSTI

 €                461,50

 €                482,70

5%

TOTALE + AFFITTO

 €              1.633,20

 €              1.694,70

4%

Elaborazione O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori

 

 

Proprietà (costo mensile)

 

2012

2013

var. %                   2013/2012

Mutuo

 €                592,00

 €                618,00

4%

Condominio

 €                  85,20

 €                  86,90

2%

Riscaldamento

 €                168,50

 €                173,00

3%

Luce

 €                  52,00

 €                  54,20

4%

Gas (per cucina)

 €                  42,60

 €                  43,80

3%

Telefono

 €                  24,90

 €                  24,90

0%

TARES

 €                  39,90

 €                  49,70

25%

Acqua

 €                  31,00

 €                  32,20

4%

IMU

     €                  33,75

     €                  33,75

0% 

Manutenzione-ordinaria e straordinaria (impianti elettrici, idraulica, tinteggiatura ecc)

 €                  44,80

 €                  48,00

7%

TOTALE COSTI

 €                522,65

 €                546,45

5%

TOTALE + MUTUO

 €              1.114,65

 €              1.164,45

4%

Elaborazione O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori

 

 

*Gli aumenti del gas sono spalmati su due voci: gas cucina e riscaldamento

 

ANNO

REDDITO

INDICE

PREZZO MQ

INDICE

2001

18431

100

3126

100

2002

18902

102,6

3502

112

2003

19512

105,9

4004

128,1

2004

20039

108,7

4191

134,1

2005

20444

110,9

4347

140,1

2006

20893

113,1

4564

144,1

2007

21500

116,1

4792

149,1

2008

22252

119,6

4792

149,1

2009

22252

119,6

4560

144,1

2010

21749

118,0

4408

141,0

2011

22007

119,4

4411

141,1

2012*

20366

110,5

4367

140,1

2013**

19610

106,4

4289

137,6

*Aggiornamento a consuntivo 2012

**Previsioni 2013

Fonte: Elaborazioni Federconsumatori su dati Istat e Cresme

 

ANNO

Annualità di stipendio necessarie per l'acquisto

2001

15,3

2002

16,7

2003

18,5

2004

18,8

2005

19,1

2006

19,7

2007

20,1

2008

19,4

2009

18,4

2010

18,2

2011

18

2012*

19,3

2013**

19,7

*Aggiornamento a consuntivo 2012

**Previsioni 2013

 

 

 

 



FEDERCONSUMATORI

Federconsumatori