Fatturazione a 28 giorni: il Governo vada avanti con determinazione per disporne l’abolizione. E’ ora di dire basta ad aumenti che pesano in maniera ingiustificata sulle tasche dei cittadini. 

23/10/2017


Sin dal primo momento abbiamo chiesto alle Authorities ed al Governo di imporre uno stop categorico alla fatturazione a 28 giorni.

Una modalità di fatturazione inaccettabile, che ha portato, in questi mesi, nelle tasche delle aziende un incremento di oltre l’8%.

Siamo lieti che il Governo finalmente si stia muovendo nella direzione giusta, per porre fine a questa vera e propria estorsione a danno dei cittadini. In tal senso sosteniamo con favore la proposta presentata dall’On. Morani, che impone la fatturazione a cadenza mensile o multipli, non solo per la telefonia fissa, ma anche per la telefonia mobile ed i servizi si pay-tv.

Ora è importante che il Governo e il Parlamento vadano avanti con determinazione in questo senso e non si lascino persuadere dalle promesse e dalle buone intenzioni di alcune compagnie.

Così come è giusto che si diano maggiori poteri sanzionatori all’AGCOM, come richiesto dalla stessa Autorità.

Ben vengano gli intenti di uniformarsi alle disposizioni della norma, ma in ogni caso quest’ultima de essere introdotta al più presto nel nostro sistema legislativo, per fare in modo che le promesse dei più virtuosi si traducano in realtà e che, anche gli altri, si adeguino al rispetto della fatturazione mensile, smettendola di estorcere ai cittadini una inesistente ed ingiustificata tredicesima mensilità.



FEDERCONSUMATORI

Federconsumatori