Telefonia: TIM non rinuncia ai maggiori guadagni della fatturazione a 28 giorni e aumenta le tariffe del +8,6%. Ora verifichiamo l’effetto trascinamento...

20/12/2017


Non si fa in tempo a tirare un sospiro di sollievo per un torto riparato nei confronti dei consumatori, che le aziende trovano immediatamente un nuovo modo per contrastarli.

È il caso di Tim che, all’indomani delle disposizioni definite nel DL Fisco, che riportano la fatturazione su base mensile, ha deciso comunque di non rinunciare al maggiore guadagno permesso dalla fatturazione a 28 giorni. Ecco perché, in questi giorni, stanno iniziando ad arrivare da Tim comunicazioni che, attraverso il solito insopportabile metodo della modifica unilaterale del contratto, aumentano le tariffe, guarda caso, proprio dell’8,6%.

Staremo a vedere cosa faranno ora gli altri operatori, auspicando che non si profili l’effetto “trascinamento” - in questo caso della compagni più “grande” verso le altre -  che ci costringerebbe ad intervenire attraverso una pronta segnalazione all’Antitrust.

Intanto, ai cittadini interessati dagli aumenti di Tim, non possiamo che

  • ricordare che possono avvalersi del diritto di recesso da esercitarsi entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione di Tim e
  • consigliare di rivolgersi alle offerte più convenienti presenti sul mercato.

Purtroppo, fino a quando non verrà predisposta una normativa più stringente e severa per circoscrivere i casi in cui gli operatori possono procedere a delle modifiche unilaterali del contratto, i cittadini non avranno altra scelta che rivolgersi alle offerte di altri operatori, sempre a patto che l’operatore fornisca comunicazione di tali modifiche nei tempi dovuti.

La Federconsumatori si impegna a monitorare i comportamenti di tutti gli operatori in vista dell’adeguamento al ritorno della fatturazione su base mensile.

Inoltre solleciteremo il Parlamento e Autorità nell’ambito della riscrittura del Codice delle Comunicazioni Elettroniche al fine di adottare misure urgenti per circoscrivere l’ormai frequente ed insostenibile pratica della modifica unilaterale del contratto.



FEDERCONSUMATORI

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di CNCU, ECU, Consumers' Forum
Federconsumatori