Pensioni: basta con dibattiti indegni e futili istigazioni a conflitti intergenerazionali. Si rispetti in pieno la sentenza della Corte.

18/05/2015


Troviamo inaccettabili le risposte parziali date dal Governo alla questione del blocco dell'indicizzazione delle pensioni a seguito della sentenza della Corte Costituzionale.

Atteggiamenti e decisioni che sono ulteriormente peggiorati da dibattiti e discussioni che dipingono i pensionati come dei "detrattori delle risorse della patria".

Si sta instaurando e dando fiato, inoltre, a inutili polemiche che creano un conflitto intergenerazionale del tutto fuori luogo, dicendo che a causa della restituzione di quanto sottratto ai pensionati si danneggiano le generazioni future.

Come se non bastasse non mancano appelli "stile ventennio", con la proposta di rinunciare a quanto spetta ai pensionati.

"Nel complesso stiamo assistendo ad un dibattito che dà il senso di una profonda povertà politica, sociale e culturale." - dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef.

Basta con queste futili discussioni, la priorità è restituire il maltolto. Per giungere a soluzioni idonee non si deve fingere di interpellare i diretti interessati, bensì instaurare una seria discussione con le grandi associazioni dei pensionati.

L'altro problema, di cui non si discute, è quello relativo al trascinamento di tale blocco dell'indicizzazione. Infatti, non modificando il montante, sul quale si calcola l'indicizzazione, si formalizza anche per gli anni a venire un forte calo del potere di acquisto delle pensioni.

 

Per questo richiediamo soluzioni eque che rispettino e soddisfino pienamente la sentenza della Corte. 

Allegati



Federconsumatori

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di     
Federconsumatori