Inflazione: tasso in aumento del +0,7% su base annua con ricadute pari a 207,20 euro a famiglia. Urgente intervenire per rilanciare la domanda interna e restituire slancio all’economia.  

28/02/2018


L’inflazione a febbraio segna una frenata rispetto all’andamento registrato nei mesi precedenti: su gennaio scende del -0,3%, mentre su base annua aumenta del +0,7% (in flessione rispetto al +1,2% registrato a gennaio).

L’Istat motiva la scarsa crescita del tasso di inflazione a causa del “prolungarsi dei saldi stagionali” che, secondo l’Istituto di Statistica, a febbraio segnerebbero “un’ampiezza maggiore di quella di gennaio”.
Un andamento che non risulta dai nostri monitoraggi. Piuttosto, a nostro avviso, la frenata del tasso di inflazione è determinata dalla fase di stallo in cui si trovano i consumi interni.
La crescita dei prezzi a questi livelli determina ricadute di 207,20 Euro annui a famiglia, somme che non fanno altro che accentuare la perdita di capacità di acquisto di queste ultime.
Considerando l’innegabile persistenza della crisi nel mercato del lavoro, è necessario intervenire con urgenza e decisione sul fronte dell’occupazione e della redistribuzione dei redditi. Un compito, questo, che dovrà costituire una priorità assoluta per il Governo che guiderà il Paese in seguito alle elezioni del 4 marzo prossimo. 

“Consentire alle famiglie di risollevare i propri bilanci è fondamentale per rilanciare la domanda interna e i consumi e, di conseguenza, anche per restituire slancio all’intero sistema economico” – dichiara Emilio Viafora, Presidente di Federconsumatori. 

Allegati



Federconsumatori

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di     
Federconsumatori