San Ferdinando: necessarie scelte urgenti per mettere in sicurezza i cittadini che vivono nella baraccopoli.

03/12/2018


Il tragico incendio avvenuto nel campo di San Ferdinando, che ha visto la scomparsa di Suruwa Jaithe, pone le istituzioni di fronte ad una scelta urgente e necessaria.

La Prefettura, nonché il Governo stesso, sono chiamati a mettere in sicurezza migliaia di vite che, in quella baraccopoli, sono appese ad un filo.

Nel corso degli anni sono numerosi gli incendi e le morti che si sono susseguite, causate da fiamme divampate da bracieri accesi per scaldarsi, da tentativi di procurarsi delle lamiere per coprire la propria baracca.

Tentativi disperati di proteggersi dal freddo, che troppo spesso mettono a rischio vite già messe a dura prova da stenti e lavori inumani.

Sgomberare il campo, come è stato prospettato, è una soluzione possibile solo nel momento in cui venga prevista una adeguata accoglienza, dignitosa ed umana, a tutti i cittadini che vivono accampati a San Ferdinando. Non si può né si deve aspettare che avvengano altri drammatici episodi.

Il Decreto Sicurezza in tal senso non risolve il problema, anzi peggiore la situazione. È indispensabile pensare in termini di integrazione, mettendo al bando ogni forma di odio e discriminazione.

Allegati



Federconsumatori

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di     
Federconsumatori