LIBRO BIANCO DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

14/11/2007


Una serie di crisi riguardanti l'alimentazione umana e animale (BSE, diossina,...) ha messo in evidenza le carenze nella concezione e nell'applicazione della regolamentazione alimentare in seno all'Unione europea. Questa situazione ha stimolato la Commissione a includere la promozione di un alto livello di sicurezza alimentare tra le sue priorità politiche per i prossimi anni. Come sottolineato dal Consiglio europeo, riunitosi ad Helsinki nel dicembre 1999, occorre in particolare migliorare le norme di qualità e rafforzare i sistemi di controllo su tutta la catena alimentare, dall'azienda agricola al consumatore.

Il Libro bianco sulla sicurezza alimentare costituisce un elemento essenziale in questa strategia. La Commissione propone un insieme di misure che consentono di organizzare la sicurezza alimentare in modo più coordinato e integrato, comprendente soprattutto:

  • la creazione di un'Autorità alimentare europea autonoma, incaricata di elaborare pareri scientifici indipendenti su tutti gli aspetti inerenti alla sicurezza alimentare, alla gestione di sistemi di allarme rapido e alla comunicazione dei rischi;
  • un quadro giuridico migliorato che copra tutti gli aspetti connessi con i prodotti alimentari, "dalla fattoria alla tavola";
  • sistemi di controllo più armonizzati a livello nazionale;
  • un dialogo con i consumatori e le altre parti coinvolte.

La Commissione ha formulato inoltre i principi generali sui quali dovrebbe vertere la politica europea in materia di sicurezza alimentare:

  • una strategia globale, integrata, che si applica a tutta la catena alimentare;
  • una definizione chiara dei ruoli di tutte le parti coinvolte nella catena alimentare (produttori di alimenti per animali, operatori agricoli e operatori del settore alimentare, gli Stati membri, la Commissione, i consumatori);
  • la rintracciabilità degli alimenti destinati agli esseri umani e agli animali e dei loro ingredienti;
  • la coerenza, l'efficacia e il dinamismo della politica alimentare;
  • l'analisi dei rischi (compresa la valutazione, la gestione e la comunicazione dei rischi);
  • l'indipendenza, l'eccellenza e la trasparenza dei pareri scientifici;
  • l'applicazione del principio di precauzione nella gestione dei rischi.

E' POSSIBILE SCARICARE IL LIBRO BIANCO DELLA SICUREZZA ALIMENTARE IN FORMATO .pdf  --->

Allegati
Libro bianco sicurezza alimentare.pdf




Federconsumatori

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di     
Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di


Federconsumatori