Telefonia: dopo le nostre denunce, Wind fa un passo indietro. Ora tocca a Vodafone.

11/04/2014


Wind torna sui suoi passi. Dopo che l' autorità Antitrust ha adottato procedure sanzionatorie contro i gestori di telefonia che attuano cambiamenti unilaterali di offerte vendute come "per sempre" o "per cinque anni", il gestore di telefonia ci ripensa. In un comunicato informa di avere spostato al 18 maggio i termini di entrata in vigore dei nuovi contratti proposti. E quel che più conta concede ai propri clienti la possibilità -se lo preferiscono- di continuare alle vecchie condizioni. Si tratta di un importante successo della battaglia di Federconsumatori e Adusbef che hanno fin dall'inizio denunciato il comportamento commerciale scorretto.  Adesso un analogo passo indietro deve fare Vodafone che è alle prese con un identico problema.

Inoltre le Autorità di controllo debbono adottare sanzioni anche nella telefonia fissa dove ci risulta che Telecom abbia messo in campo -per alcune offerte adsl- la stessa pratica di disdetta unilaterale di contratti venduti a suo tempo con la formula "per sempre".

 

Se i gestori, come spesso sostengono, non sono più in grado di gestire amministrativamente alcuni tipi di contratto, hanno il dovere di proporre alternative di pari o di maggiore convenienza per il consumatore. E nel caso che l'utente decida di avvalersi del diritto di recesso, non basta l'ovvio e scontato recesso gratuito, ma va rimborsata anche la quota di attivazione di un contratto ottenuto attraverso un messaggio di pubblicità ingannevole. I gestori non possono continuare a scaricare sui consumatori difficoltà e inefficienze aziendali.

 



Federconsumatori

Cookies Policy

Federconsumatori – Associazione Promozione Sociale fa parte di     
Federconsumatori – Associazione Promozione Sociale fa parte di


Federconsumatori