Rc auto: tariffe ancora troppo care. Per far scendere i costi delle polizze agire premiando i comportamenti corretti.

15/10/2019


Secondo l’Ania, negli ultimi 7 anni (da Marzo 2012 a Giugno 2019) il prezzo medio della rc auto sarebbe sceso del 28,6%. Un dato decisamente lontano dalla realtà che emerge dalle nostre rilevazioni: secondo il monitoraggio dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, che da oltre 10 anni rileva annualmente i costi delle polizze rc auto nelle principali città italiane (sia nei piccoli che nei grandi centri), dal 2013 al 2019 l’aumento è stato di 134,45 Euro annui, pari al +23,7%.

La relazione dell’Ania indica come si sia ridotto il differenziale tra le polizze italiane e la media europea.

A livello nazionale, invece, ci risultano ancora importanti differenze nelle polizze: basti pensare che i costi applicati al Nord sono meno cari del 51% rispetto a quelli del Sud; mentre quelli del Centro sono meno cari rispetto al Sud del 32%. In alcune realtà il premio è così alto da rendere improbabile l’effettiva assicurabilità.

Apprezziamo in tal senso la volontà del Governo di adottare provvedimenti tesi a calmierare le tariffe, specialmente nelle aree dove ancora si pagano polizze estremamente onerose e sproporzionate rispetto alla media nazionale, la soluzione ottimale per risolvere tale problema non è però, a nostro avviso, l’adozione del premio base uniforme.

Con la tariffa base unica, infatti, si opererebbe solo una redistribuzione del rischio senza premiare l’automobilista virtuoso. Per abbassare le polizze è invece necessario dare maggiore rilevanza alla premialità dei comportamenti corretti: in questo modo si avrebbe il doppio vantaggio di far abbassare le tariffe e aumentare la sicurezza sulle strade. Inoltre è fondamentale calmierare le polizze per contrastare il fenomeno della circolazione di vetture prive di copertura.

 



Federconsumatori

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di     
Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di


Federconsumatori