Tutta la verità sui rimborsi per la fatturazione a 28 giorni.

02/03/2020


Da tempo siamo impegnati per far ottenere ai cittadini i rimborsi relativi agli importi indebitamente incassati dalle compagnie telefoniche a seguito della fatturazione a 28 giorni.

Nonostante il Consiglio di Stato e Agcom abbiano sancito la natura automatica del rimborso, le compagnie telefoniche insistono nel richiedere la compilazione di un modulo per la richiesta formale del rimborso relativo alla propria linea fissa o linea fissa+mobile.

Un comportamento del tutto illegittimo, volto unicamente a far desistere i cittadini attraverso la procedura della richiesta.

Federconsumatori, come annunciato (https://www.federconsumatori.it/doc/28-giorni-federconsumatori-attiva-azioni-legali-collettive-per-il-riconoscimento-dei-rimborsi-automatici-dei-giorni-illegittimamente-erosi/20200210100402) è pronta ad avviare azioni legali collettive se le compagnie continueranno ad adottare questo comportamento.

Pertanto, per fare chiarezza e ribadire alcune importanti verità relative a questa vicenda ribadiamo:

  1. IL RIMBORSO DEVE ESSERE AUTOMATICO.
  2. Ne hanno diritto tutti gli utenti di linea fissa e linea fissa + mobile a cui è stata applicata la fatturazione a 28 giorni.
  3. Il rimborso equivale ai giorni sottratti all’utente nel periodo massimo che va da giugno 2017 ad aprile 2018 (quando per legge gli operatori sono dovuti tornare alla tariffa mensile). Tale periodo può essere anche inferiore, dal momento che alcuni operatori sono tornati alla tariffa a 30 giorni prima di tale data. Gli importi variano a seconda dell'entità della tariffa pagata e dell'effettivo periodo in cui è stata applicata all'utente la fatturazione a 28 giorni.
  4. Seppur manca una precisa disposizione dell'Autorità di regolazione, gli utenti che nel frattempo abbiano cambiato operatore possono inviare la richiesta di rimborso al vecchio operatore, utilizzando il modulo messo a disposizione online dalla compagnia interessata.
  5. I rimborsi devono avvenire sotto forma di storno in fattura, salvo che l'utente non abbia aderito a forme compensative che proponevano offerte e servizi in sostituzione del rimborso.

Per informazioni ed assistenza non esitate a rivolgetevi alle sedi della Federconsumatori, presenti su tutto il territorio nazionale: https://www.federconsumatori.it/sedi.asp

 

 



Federconsumatori

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di     
Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di


Federconsumatori