La truffa delle multe false

02/05/2018


news.jpg

Negli ultimi mesi le Autorità competenti e le Associazioni dei Consumatori stanno ricevendo numerose segnalazioni su alcune multe sospette, risultate poi essere un tentativo di frode ai danni degli automobilisti di tutta Italia.

I malcapitati si vedono recapitare nella buca delle lettere un “verbale” con un importo da pagare: a differenza delle regolari sanzioni amministrative, si richiede che l’importo da corrispondere venga pagato tramite bonifico bancario e non con il consueto bollettino postale o tagliando per il saldo presso il tabaccaio o la ricevitoria.

Nella maggior parte delle finte multe, che arrivano tramite raccomandata, molto simile a quelle comuni italiane, il mittente è croato e come infrazione viene riportato il mancato pagamento di soste sulle strisce blu, o con altre causali.

Per tutelarsi bisogna prestare molta attenzione al momento della lettura del verbale, in quanto il modello dell’auto e il colore spesso corrispondono, ma la targa no e spesso anche il luogo dell’infrazione risulta sconosciuto all’automobilista.

Nel caso in cui si ricevesse la finta sanzione amministrativa, è opportuno segnalare l’accaduto alle Forze dell’Ordine e, in ogni caso, evitare di effettuare il pagamento richiesto. 





FEDERCONSUMATORI

Cookies Policy

Mappa  

Federconsumatori News percepisce esclusivamente i contributi pubblici all'editoria ai sensi del Decreto Legislativo del 15 maggio 2017, n. 70

a cura della Redazione della Federconsumatori
Direttore Responsabile Sabrina Soffientini
Responsabile di Redazione Tiziana Danese

Proprietà Federconsumatori Reg. Tribunale di Roma n. 10/2008 del 21/01/2008

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di CNCU, ECU, Consumers' Forum
Federconsumatori