Parere del Ministero dell’Interno sulla “targa prova”

29/05/2018


auto.jpg

Il Ministero dell’Interno prende posizione sul corretto utilizzo della “targa prova”, cioè quella targa speciale apposta sulle vetture che circolano per motivi specifici, come collaudi, dimostrazioni, trasferimenti, allestimenti o campagne pubblicitarie.

Rispondendo ad un quesito posto da parte della Prefettura di Arezzo, il Dicastero ha dichiarato che la targa prova può essere apposta solo sui veicoli non ancora immatricolati e sui veicoli sottoposti a variazioni tecniche che necessitano dell’aggiornamento della carta di circolazione.

L’utilizzo della targa prova, al contrario, non è consentito per le vetture immatricolate, anche se circolanti per prova tecnica o per prova finalizzata alla vendita.

Tra i soggetti che possono richiedere ed ottenere l'autorizzazione alla circolazione di prova sono inclusi anche gli esercenti di officine di riparazione e di trasformazione. Questi ultimi però non possono utilizzare la targa prova per la circolazione di veicoli immatricolati non revisionati e per veicoli privi di assicurazione RCA.





FEDERCONSUMATORI

Cookies Policy

Mappa  

Federconsumatori News percepisce esclusivamente i contributi pubblici all'editoria ai sensi del Decreto Legislativo del 15 maggio 2017, n. 70

a cura della Redazione della Federconsumatori
Direttore Responsabile Sabrina Soffientini
Responsabile di Redazione Tiziana Danese

Proprietà Federconsumatori Reg. Tribunale di Roma n. 10/2008 del 21/01/2008

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di CNCU, ECU, Consumers' Forum
Federconsumatori