Rapporto C.R.E.A. sulle spese sanitarie: per molte famiglie sono un lusso

24/01/2019


rinuncia_cure.jpg

L’ultimo rapporto C.R.E.A. Sanità (Università di Roma Tor Vergata) sulle spese sanitarie in Italia fotografa una situazione non certo rosea, in cui molte famiglie non sono in grado di sostenere i costi delle cure mediche. Secondo quanto emerge dall’indagine, circa 4 milioni e mezzo di famiglie (il 17,6%) hanno limitato il ricorso alle prestazioni mediche per motivi economici e di queste più di 1 milione hanno rinunciato del tutto alle cure. Le rinunce sono più frequenti al Sud (5,6% delle famiglie) e al Centro (5,1%), mentre risultano più contenute nel Nord-Ovest (3%) e nel Nord-Est (2,8%). 
In media per il 5,5% delle famiglie le spese sanitarie sono, di fatto, un lusso, e la percentuale sfiora addirittura l’8% nel Mezzogiorno. Gli importi di spesa massimi si registrano in Valle d’Aosta e in Lombardia (rispettivamente 1.202,8 euro e 927,8 euro), mentre i valori minimi sono stati riscontrati in Calabria e in Campania (rispettivamente 380,8 euro e 300,5 euro.
 





FEDERCONSUMATORI

Cookies Policy

Mappa  

Federconsumatori News percepisce esclusivamente i contributi pubblici all'editoria ai sensi del Decreto Legislativo del 15 maggio 2017, n. 70

a cura della Redazione della Federconsumatori
Direttore Responsabile Sabrina Soffientini
Responsabile di Redazione Tiziana Danese

Proprietà Federconsumatori Reg. Tribunale di Roma n. 10/2008 del 21/01/2008

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di CNCU, ECU, Consumers' Forum
Federconsumatori