Energia: Rita Dalla Chiesa scatena l’ira degli utenti sui social con il Tweet sugli oneri di sistema

22/03/2019


megafono(1).jpg

"Consumo 12 euro di elettricità e devo pagarne 68. Vergogna!" – il Tweet pubblicato da Rita Dalla Chiesa richiama l’attenzione su un problema che la nostra Associazione denuncia da tempo.

È tutto vero, a parte due fatti: il primo è che ad incassare gli importi degli oneri di sistema non sono le aziende venditrici di energia Elettrica, bensì lo Stato; il secondo è che Federconsumatori è intervenuta già da tempo.

Lo scorso ottobre abbiamo consegnato al Presidente della X Commissione del Senato, Sen. Girotto, migliaia di firme raccolte per richiedere la riforma degli oneri di sistema eliminando inutili e datati tributi che pesano ogni mese sulle tasche dei cittadini, come ad esempio le risorse per lo stoccaggio delle scorie nucleari derivanti dallo smantellamento delle centrali nucleari, le agevolazioni per la rete ferroviaria, nonché quelle per le imprese energivore ed altro.

Da allora il Parlamento e il Governo che avevano promesso un tempestivo intervento in materia, non hanno più agito in alcun modo, lasciando di fatto i cittadini in balia di onerosi balzelli.

La Federconsumatori auspica che il Governo agisca con tempestività per eliminare una assurda ingiustizia a danno degli utenti, avviando una complessiva riforma di sistema, che sia finalmente improntata all’equità ed alla sostenibilità, eliminando una volta per tutte le voci che nulla hanno a che fare con i consumi di energia.





FEDERCONSUMATORI

Cookies Policy

Mappa  

Federconsumatori News percepisce esclusivamente i contributi pubblici all'editoria ai sensi del Decreto Legislativo del 15 maggio 2017, n. 70

a cura della Redazione della Federconsumatori
Direttore Responsabile Sabrina Soffientini
Responsabile di Redazione Tiziana Danese

Proprietà Federconsumatori Reg. Tribunale di Roma n. 10/2008 del 21/01/2008

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di CNCU, ECU, Consumers' Forum
Federconsumatori