Dopo gli attacchi agli impianti petroliferi in Arabia Saudita aumenta il prezzo della benzina

19/09/2019


pompa_di_benzina(1).jpg

Nei giorni scorsi due importanti stabilimenti petroliferi in Arabia Saudita appartenenti ad Aramco, la società statale saudita di idrocarburi, sono stati attaccati e gravemente danneggiati. In seguito a quanto accaduto i prezzi internazionali del petrolio sono aumentati quasi del 20% ma la turbolenza non è durata molto: il ricorso alle riserve da parte degli USA e la garanzia da parte dell’Arabia Saudita di ripristinare al 60% l’operatività degli impianti in tempi rapidi hanno consentito una rapida inversione di tendenza, facendo scendere i prezzi. Nonostante questo, le compagnie hanno comunque applicato ritocchi di +2-3 centesimi al litro che in questo quadro appaiono ingiustificati.

Qualora i prezzi non si adeguino al ribasso, nel giro di un anno gli automobilisti dovranno affrontare un aumento di circa 30 Euro.

Federconsumatori esorta il Governo a sterilizzare gli aumenti, in particolare attraverso il meccanismo dell’accisa mobile (sterilizzazione automatica dell’accisa in base all’andamento dei costi della materia prima).  





FEDERCONSUMATORI

Cookies Policy

Mappa  

Federconsumatori News percepisce esclusivamente i contributi pubblici all'editoria ai sensi del Decreto Legislativo del 15 maggio 2017, n. 70

a cura della Redazione della Federconsumatori
Direttore Responsabile Sabrina Soffientini
Responsabile di Redazione Tiziana Danese

Proprietà Federconsumatori Reg. Tribunale di Roma n. 10/2008 del 21/01/2008

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di CNCU, ECU, Consumers' Forum
Federconsumatori