Competizioni sportive bloccate per coronavirus: Federconsumatori esorta le pay tv a proporre soluzioni compensative agli abbonati con pacchetti sport.

20/03/2020


stadio vuoto.jpg

Nel pieno dell’emergenza nazionale provocata dalla diffusione dal coronavirus, i cittadini sono alle prese non solo con le gravi problematiche di ordine sanitario ma anche con l’obbligo di autoisolamento necessario a limitare i contagi. In una situazione tanto complessa i servizi di informazione e di intrattenimento rivestono una notevole importanza e a tale proposito molti utenti stanno segnalando una problematica relativa all’impossibilità di usufruire di una parte dei pacchetti sport acquistati sulle pay tv. Le competizioni sportive, naturalmente, sono bloccate a causa della pandemia e ciò impedisce a chiunque abbia sottoscritto un abbonamento che includa anche questo tipo di eventi di poter usufruire di una parte del prodotto acquistato.

Compatibilmente con le priorità imposte dalle attuali circostanze Federconsumatori sta cercando delle soluzioni compensative da proporre agli operatori per recuperare le settimane pagate e non fruite, ad esempio il prolungamento degli abbonamenti dei clienti coinvolti per un periodo pari a quello dell’interruzione delle competizioni. Naturalmente qualsiasi offerta da parte degli operatori deve essere valutata dal singolo cliente in base ai propri interessi e alle proprie esigenze.

Gli utenti sono comunque invitati a segnalare alla nostra Associazione ulteriori problemi ed eventuali poco trasparenti da parte delle società che operano nel settore.





FEDERCONSUMATORI

Cookies Policy

Mappa  

Federconsumatori News percepisce esclusivamente i contributi pubblici all'editoria ai sensi del Decreto Legislativo del 15 maggio 2017, n. 70

a cura della Redazione della Federconsumatori
Direttore Responsabile Sabrina Soffientini
Responsabile di Redazione Tiziana Danese

Proprietà Federconsumatori Reg. Tribunale di Roma n. 10/2008 del 21/01/2008

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di CNCU, ECU, Consumers' Forum
Federconsumatori