Coronavirus e smart working: come risparmiare lavorando da casa

03/04/2020


smart working.jpg

In questo periodo in cui gran parte della popolazione è costretta a lavorare da casa (in smart working) per l'emergenza coronavirus, è opportuno seguire alcuni piccoli accorgimenti per ridurre lo spreco sia in termini energetici e ambientali che economici.

- Accendiamo la luce solo se necessario, altrimenti sfruttiamo il più possibile la luce naturale aprendo le tende. Se possibile utilizziamo lampadine Led, che consumano fino al 50% in meno rispetto a quelle normali e soprattutto spegniamo la luce quando usciamo da una stanza.

- Arieggiamo casa solo per alcuni minuti per stanza altrimenti si producono dispersioni di calore, soprattutto quando i termosifoni sono accesi.

- Facciamo docce brevi per ridurre i consumi di acqua e gas, che serve per mantenere accesa la caldaia durante l'erogazione dell'acqua calda.

- Evitiamo di lasciare il computer in standby, e soprattutto eliminiamo gli screensaver che consumano più elettricità di quella che il computer utilizzerebbe in totale standby. Inoltre, è bene impostare l’opzione di risparmio energetico del computer.

- Se possibile, utilizziamo la domotica, gestendo gli impianti domestici in modo da utilizzare al meglio l'energia e solo quando è davvero necessario.

- Riscaldiamo una stanza alla volta, tenendo spenti i termosifoni nelle stanze che non si frequentano per gran parte del giorno, limitandosi ad alzare la temperatura nella stanza che si utilizza come sede dello smart working.





FEDERCONSUMATORI

Cookies Policy

Mappa  

Federconsumatori News percepisce esclusivamente i contributi pubblici all'editoria ai sensi del Decreto Legislativo del 15 maggio 2017, n. 70

a cura della Redazione della Federconsumatori
Direttore Responsabile Sabrina Soffientini
Responsabile di Redazione Tiziana Danese

Proprietà Federconsumatori Reg. Tribunale di Roma n. 10/2008 del 21/01/2008

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di CNCU, ECU, Consumers' Forum
Federconsumatori