Whatsapp limita l’inoltro dei messaggi per contrastare la diffusione delle fake news

14/04/2020


fake news.jpg

In questi giorni WhatsApp ha introdotto una modifica nel sistema grazie alla quale non è più possibile inviare a più chat contemporaneamente ma solo ad una chat alla volta i messaggi ricevuti dopo essere già stati inoltrati troppe volte e che possono contenere fake news o, peggio, rivelarsi dannosi per i dispositivi utilizzati. In apparenza una modifica di poco conto, che tuttavia potrà da una parte contenere il carico dei server di Whatsapp in un momento di intenso utilizzo e dall’altra limitare la diffusione di notizie false. In una condizione di emergenza sanitaria come quella attuale la corretta informazione ha un’importanza fondamentale, soprattutto per trasmettere indicazioni precise ai cittadini e per fare in modo che tutti rispettino i comportamenti previsti dalle normative. Non tutti i messaggi inoltrati, naturalmente, sono potenzialmente dannosi per lo smartphone o contengono fake news, anzi: il più delle volte si tratta di post del tutto innocui. La modifica comunque potrà ridurre il rischio di ricevere – e anche di diffondere – messaggi pericolosi o non attendibili. A tale proposito ricordiamo che è opportuno fidarsi solo delle notizie provenienti da fronti ufficiali e attendibili, in particolare sulle tematiche relative alla salute, e che numerosi siti autorevoli, accessibili a tutti, svolgono un servizio di verifica delle notizie proprio per contrastare la disinformazione e la diffusione di “bufale”.





FEDERCONSUMATORI

Cookies Policy

Mappa  

Federconsumatori News percepisce esclusivamente i contributi pubblici all'editoria ai sensi del Decreto Legislativo del 15 maggio 2017, n. 70

a cura della Redazione della Federconsumatori
Direttore Responsabile Sabrina Soffientini
Responsabile di Redazione Tiziana Danese

Proprietà Federconsumatori Reg. Tribunale di Roma n. 10/2008 del 21/01/2008

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di CNCU, ECU, Consumers' Forum
Federconsumatori