L'AGCM invia una segnalazione a Parlamento, Governo, AGCom e Anci sulla necessità di adeguare le infrastrutture tecnologiche alle esigenze dei cittadini

09/07/2020


mani su tastiera.jpg

Nel periodo in cui, a causa del coronavirus, è stato imposto il lockdown, milioni di utenti hanno utilizzato diverse tipologie di strumenti tecnologici per accedere a numerosi servizi online, in particolare per svolgere attività di smartworking e didattica a distanza. Nelle settimane in cui i cittadini sono stati obbligati dall'emergenza sanitaria a non lasciare le proprie abitazioni se non per questioni strettamente necessarie è emersa l'evidente necessità di adeguare le infrastrutture tecnologiche alle esigenze della popolazione. In questo stesso lasso di tempo è emerso il digital divide esistente in Italia: una parte consistente degli utenti si trova, di fatto, a vedere violato il cosiddetto “diritto all’accesso” ad internet.

Si tratta di un problema rilevante, tanto che anche l’Antitrust ha sollevato la questione in una segnalazione trasmessa a Parlamento, Governo, AGCom e Anci, sottolineando altresì il ruolo delle infrastrutture di telecomunicazioni nello sviluppo e nella crescita dell’intero sistema.





FEDERCONSUMATORI

Cookies Policy

Mappa  

Federconsumatori News percepisce esclusivamente i contributi pubblici all'editoria ai sensi del Decreto Legislativo del 15 maggio 2017, n. 70

a cura della Redazione della Federconsumatori
Direttore Responsabile Sabrina Soffientini
Responsabile di Redazione Tiziana Danese

Proprietà Federconsumatori Reg. Tribunale di Roma n. 10/2008 del 21/01/2008

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di CNCU, ECU, Consumers' Forum
Federconsumatori