Audizione del Ministro dell’Istruzione Bianchi: gravi criticità mettono in pericolo il diritto allo studio

04/05/2021


scuola aula.jpg

Nel corso dell’audizione tenuta presso le Commissioni Cultura di Camera e Senato, il Ministro della Pubblica Istruzione Patrizio Bianchi ha evidenziato alcune preoccupanti criticità che da tempo pesano sul nostro sistema scolastico e che l’emergenza sanitaria ancora in corso ha contribuito ad aggravare in misura determinante. Il settore dell’istruzione ha subìto pesantissime conseguenze proprio a causa della pandemia: l’attuale contesto non solo ha imposto grandi sacrifici a studenti e insegnanti ma sta anche dando luogo a situazioni che rischiano di minare il diritto allo studio.

Le già esistenti disparità nell’accesso all’istruzione dovute a differenze economiche e sociali sono notevolmente aumentate e il fenomeno della dispersione scolastica ha finito per coinvolgere un numero imponente di ragazzi, anche perché molti studenti – secondo recenti stime addirittura un terzo del totale – non hanno, di fatto, avuto la possibilità di usufruire delle lezioni a distanza a causa di difficoltà economiche, di problemi nell’accesso alla rete e di carenza di dispositivi informatici.

A tutto ciò si aggiungono la questione delle cattedre scoperte, che rischia di non garantire la continuità nell’insegnamento, e il problema della condizione di precariato di molti insegnanti, a cui non è ancora assicurata una stabilità professionale ed economica.

Dal discorso del Ministro, quindi, è emersa l’urgenza di interventi atti a risolvere queste criticità e di impiegare con rapidità ed efficacia gli investimenti previsti dal Piano di Ripresa e Resilienza per il sistema scolastico.





FEDERCONSUMATORI

Cookies Policy

Mappa  

Federconsumatori News percepisce esclusivamente i contributi pubblici all'editoria ai sensi del Decreto Legislativo del 15 maggio 2017, n. 70

a cura della Redazione della Federconsumatori
Direttore Responsabile Sabrina Soffientini
Responsabile di Redazione Tiziana Danese

Proprietà Federconsumatori Reg. Tribunale di Roma n. 10/2008 del 21/01/2008

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di CNCU, ECU, Consumers' Forum
Federconsumatori