Bollette acqua: la Corte di Cassazione apre la via alle richieste di rimborso per i conguagli non dovuti

06/10/2021


rubinetto con mani e acqua(1).jpg

La Suprema Corte, con la sentenza n. 17959/2021, ha dichiarato l'illegittimità del meccanismo di recupero delle cosiddette “partite pregresse”. Quest’ultime sono conguagli tariffari previsti dall’ARERA con delibera n. 643/2013.

Come specificato dalla Cassazione, la delibera ARERA, in quanto provvedimento amministrativo, non può porsi in contrasto con la legge e nello specifico con l’art. 11 delle Preleggi, che dispone il principio di irretroattività della legge.

La recente sentenza smentisce tale orientamento, aprendo le porte alla richiesta di rimborso per chi ha già pagato tali conguagli ritenuti illegittimi, ma anche per coloro che hanno contenziosi aperti con i gestori.

Federconsumatori aprirà confronti sul tema con le Associazioni d’impresa rappresentative del settore, con gli ATO territoriali e le autorità competenti a livello regionale.





FEDERCONSUMATORI

Cookies Policy

Mappa  

Federconsumatori News percepisce esclusivamente i contributi pubblici all'editoria ai sensi del Decreto Legislativo del 15 maggio 2017, n. 70

a cura della Redazione della Federconsumatori
Direttore Responsabile Sabrina Soffientini
Responsabile di Redazione Tiziana Danese

Proprietà Federconsumatori Reg. Tribunale di Roma n. 10/2008 del 21/01/2008

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di CNCU, ECU, Consumers' Forum
Federconsumatori