Prezzi delle materie prime alimentari in aumento a causa della guerra in Ucraina

25/04/2022


pane biscotti grano.jpg

Dall’indice mondiale dei prezzi delle principali materie prime alimentari emerge un generalizzato aumento dei prezzi, che rispetto al mese di marzo dello scorso anno tocca quota +33,6%. Una percentuale influenzata in misura rilevante dal conflitto in corso in Ucraina, soprattutto per alcune tipologie di prodotti: è il caso, ad esempio, del grano – il cui costo (+19,7%) subisce le ripercussioni sia della guerra in un’area geografica in cui si localizza tra il 20 e il 30% della produzione globale che delle preoccupazioni per le difficoltà dei raccolti negli USA – e dell’olio vegetale, in particolare dell’olio di semi di girasole, di cui l’Ucraina è il principale esportatore mondiale.

I prezzi risultano in rialzo, sebbene in misura minore, anche per le materie prime alimentari di origine animale. La carne raggiunge il massimo storico, con un aumento del +4,8% su base mensile, soprattutto a causa della ridotta disponibilità di suini da macello nell’Europa occidentale, mentre i prodotti lattiero-caseari fanno registrare una crescita del +2,6% rispetto a febbraio e del +23,6% su base annua, soprattutto a causa dell’elevata domanda da parte dei mercati asiatici.





FEDERCONSUMATORI

Cookies Policy

Mappa  

Federconsumatori News percepisce esclusivamente i contributi pubblici all'editoria ai sensi del Decreto Legislativo del 15 maggio 2017, n. 70

a cura della Redazione della Federconsumatori
Direttore Responsabile Sabrina Soffientini
Responsabile di Redazione Tiziana Danese

Proprietà Federconsumatori Reg. Tribunale di Roma n. 10/2008 del 21/01/2008

Federconsumatori – Federazione Nazionale Consumatori e Utenti fa parte di CNCU, ECU, Consumers' Forum
Federconsumatori