In Comunicati, Politica Economica

In questi mesi l’andamento della produzione industriale è stato caratterizzato da un andamento decisamente discontinuo, in cui aumenti e diminuzioni si sono alternati pressoché ogni mese. I dati pubblicati oggi dall’Istat parlano di un calo del – 0,2% su base mensile e addirittura di una flessione del -1,2% rispetto allo scorso anno. 
La diminuzione della produzione non è che l’ennesimo segnale di una crisi che, purtroppo, continua a strozzare la nostra economia, con conseguenze spesso disastrose sui bilanci familiari dei cittadini. Le famiglie continuano a dover affrontare gravi situazioni di difficoltà economica e faticano a sostenere le spese quotidiane anche perché, non ci stanchiamo di ribadirlo, le retribuzioni non crescono in misura proporzionale rispetto al costo della vita. 
Sulle vendite al dettaglio l’Istituto di Statistica registra invece un aumento del +1,9%, un dato che non solo è opposto a quello della produzione ma che, anche in questo caso, fa emergere un trend discontinuo, poiché solo il mese scorso la stessa voce risultava in diminuzione. 
“L’inutilità degli interventi realizzati al solo scopo di raccogliere consensi politici appare sempre più evidente, così come è lampante la necessità di azioni concrete finalizzate a far uscire il Paese dalla crisi e dall’incertezza” – dichiara Emilio Viafora, Presidente di Federconsumatori Nazionale. 
In questo quadro rinnoviamo la richiesta al Governo di mettere in campo misure efficaci per il lavoro e per la crescita, in modo da rilanciare in modo stabile e duraturo la domanda interna e da fornire una solida base ad una nuova fase economica. 

Post suggeriti
WordPress PopUp Plugin